MARCELLO IORI

Giacimento di Passioni

Artista colto, multiforme e brillante, Marcello Jori torna a Padova dopo quasi trent'anni con un'esposizione che mette in scena una parte importante del suo ricchissimo percorso artistico. Nella Galleria Civica di Piazza Cavour Jori ha voluto andare molto indietro nel tempo, e arrivare fino a oggi con una selezione di opere significative per un viaggio che comincia dalla scrittura e finisce nella scrittura.
Durante il percorso si incontrano tutte le variazioni con cui Jori ha vissuto la pittura, la scrittura, la lettura, giungendo a creare un personale linguaggio basato su preziosi cristalli declinati in giacimenti grezzi, foreste notturne, straordinarie città  ideali.


Inaugurazione: 28 settembre 2012, ore 18.00
Scarica il Pieghevole invito

Si comincia dai primi cartigli degli anni ottanta, nei quali una scrittura pittorica e avventurosa si snoda lungo gli angoli delle pareti, sui soffitti e i pavimenti, per arrivare alla scrittura e agli acquerelli di oggi negli Albi dell'€™avventura, libri scritti e acquerellati a mano in copia unica.
Durante il percorso si incontrano tutte le variazioni con cui Jori ha vissuto la pittura, la scrittura, la lettura, giungendo a creare un personale linguaggio basato su preziosi cristalli declinati in giacimenti grezzi, foreste notturne, straordinarie città  ideali. A riprova della sua curiosa e inarrestabile versatilità  Jori, meranese di nascita ma cresciuto artisticamente nella vivacissima Bologna di metà  anni '70, è stato tra i fondatori del Nuovo fumetto italiano, si è tuffato nel rock disegnando copertine (per Patty Pravo) e scenografie (per Vasco Rossi), ha mescolato pittura, fotografia, design e scrittura, con la rara capacità  di scivolare dalla comunicazione di massa ai templi del sistema dell'arte, come le grandi gallerie o la Biennale di Venezia e la Quadriennale di Roma.
Dall'allestimento di vecchi e nuovi capolavori - nel senso di opere chiave del suo discorso - esce a Padova un'esposizione che ripercorrendo molto del suo lavoro ne suggerisce un'entusiasmante lettura d'insieme, proprio nel momento in cui le opere concettuali dei suoi esordi prendono la strada delle maggiori collezioni private italiane, in una riscoperta storicizzante, e cresce l'interesse dei mercati extraeuropei verso la sua attività .
All"€™interno di questo progetto di arte totale si inserisce, quasi a completamento, l"€™esposizione di Arte e Design nella Galleria Daniele in Piazzetta S.Nicolò 1 dove, a partire dalle ore 19.00 del 28 settembre, si scoprirà  un"€™altra delle mille sfaccettature dell'€™arte di Jori: la pittura diventata utile, la pittura straripata nel vivere, quando i colori e le forme si adoperano per mangiare, dormire, abitare, in altre parole si entra nel design.

Marcello Jori nasce a Merano nel 1951. Fra i protagonisti della scena artistica italiana, partecipa a tre Biennali di Venezia, alla Biennale di Parigi, a due Quadriennali di Roma. Tiene mostre in gallerie e musei nazionali e internazionali, tra cui: Galleria d"€™Arte Moderna, Roma; Studio Morra e Galleria Trisorio Napoli, Castel Sant"€™Elmo Napoli; Studio Marconi, Milano; Galleria De"€™ Foscherari e Galleria d"€™Arte Moderna, Bologna. Galleria Civica d"€™Arte Contemporanea, Trento.Hayward Gallery, Londra; Kunstverein, Francoforte; Holly Solomon, New York.
Negli anni 90 partecipa alla mostra Psicho, curata da C. Leight, A. Dannat e D. Kuspit, e a un"€™importante esposizione a quattro, con Dan Flavin, Sol LeWitt e James Croak, al Kunst Hall di New York. Tiene anche una personale all'€™ Art Institute di Boston.
Fin dall'€™inizio della sua attività , persegue un progetto di arte totale che oggi lo porta a rivestire una posizione di grande attualità  nella definizione dell'€™eclettismo contemporaneo.

In quanti modi raccontare la storia di Marcello Jori? Di suo, Jori sfugge ad ogni narrazione. Non ama essere raggiunto: lo fermi qui ed è già  lì, lo cerchi lì ed è già  altrove. Non c"€™è modo di allineare il suo formidabile eclettismo, il suo progetto di arte totale , che forse è perfino più romantico che postmoderno e spande logica e sentimento in ogni possibile piega del contemporaneo. Si può solo tentare di inseguirlo, ammantarsi di un tessuto gemmato ed entrare in scena, nel suo teatro, come lui recitando simultaneità , ubiquità  e paratassi. (dal testo in catalogo di Stefano Annibaletto)

FAI-Delegazione di Padova

Il Comune di Padova aderisce al Progetto I luoghi del cuore a cura del FAI-Fondo Ambiente Italiano.
Firma per il CASTELLO CARRARESE
"€œUn luogo del cuore e dell'€™anima dove l"€™identità  storica e memoria della città  si fondono"€ (Andrea Colasio Assessore alla Cultura del Comune di Padova)
i luoghi del cuore FAI - Delegazione di Padova

Firma su www.iluoghidelcuore.it

Informazioni
Ingresso con tessera RAM

Orario: dal martedì alla domenica 15-19, lunedì chiuso

Settore Attività  Culturali- Servizio Mostre
Via Porciglia, 35
tel 049 8204522-4547-4502-4501