Rigoletto di G. Verdi

Stagione Lirica 2020

Dopo l'anteprima estiva, la Stagione Lirica 2020 di Padova proporrà, quale primo titolo invernale, RIGOLETTO, melodramma in tre atti su libretto di Francesco Maria Piave e musica di Giuseppe Verdi.

E sarà un nuovo Rigoletto con la direzione di Giampaolo Bisanti, la regia di Giuseppe Emiliani e la scenografia virtuale di Federico Cautero, pensato in chiave anti Covid-19.
Rigoletto su libretto di Francesco Maria Piave, tratto dal dramma Le roi s’amuse di Victor Hugo, venne rappresentato per la prima volta al Tetro La Fenice di Venezia l’11 marzo 1851.
L'opera di Giuseppe Verdi, articolata in tre atti, ottenne da subito un grande successo di pubblico.

L'intervento della censura dell'epoca rallentò i lavori di messa in scena dell'opera e, pochi mesi prima della rappresentazione, compositore e librettista furono costretti a porre mano al lavoro fino ad allora svolto, modificando alcuni elementi essenziali del dramma: personaggi, tempi e luoghi dell'azione. L’opera è ambientata a Mantova e nei suoi dintorni, nel secolo XVI, inizia con una festa al palazzo ducale, si svolge nel giro di pochi giorni, e finisce, come ogni dramma lirico che si rispetti, con una morte.

Rigoletto, deforme e pungente buffone di corte, che si burla con cattiveria di tutti e trama, all’occasione, scherzi e vendette crudeli, ha una figlia “segreta”, che è la luce dei suoi occhi, avuta dalla donna amata ormai morta. Duro e crudele con tutti con la figlia Gilda, Rigoletto è un padre tenerissimo e premuroso che si preoccupa di tenerla lontana dal mondo corrotto della corte, ma che per uno scherzo del destino e diventata oggetto dell’attenzione del suo giovane padrone, il Duca di Mantova, libertino impenitente.
Le reazioni alle malefatte del buffone, da parte dei cortigiani, daranno il via ad una serie di delitti: Gilda, la figlia di Rigoletto sarà rapita e violata dal Duca; Rigoletto per vendicare l’offesa pagherà Sparafucile, un bandito, perché uccida il Duca, ma a morire, per mano di Sparafucile sarà l’amata figlia.

In questo allestiment inedito, nel ruolo del buffone della corte di Mantova Enkhbat Amartüvshin, un talento dalla Mongolia “Rigoletto è un ruolo difficile ma musicalmente mi si addice, lo canto senza sforzo”.

Sul palcoscenico del Teatro Verdi vedremo Iván Magrì (Duca di Mantova), Enkeleda Kamani (Gilda), Antonio Di Matteo (Sparafucile), Maria Barakova (Maddalena), Gabriele Sagona (Conte di Monterone), Gabriele Nani (Marullo), Antonio Feltracco (Matteo Borsa) e Carlo di Cristoforo (Conte di Ceprano).  Alice Marini, interpreterà il ruolo di Giovanna.
Completano il cast Monica Biasi (Contessa di Ceprano) e Silvia Celadin (Paggio).

Lo spettacolo è in coproduzione con il Teatro Comunale Mario del Monaco di Treviso. 

La Stagione Lirica di Padova è organizzata e prodotta dal Comune di Padova – Assessorato alla Cultura, in collaborazione con il Teatro Stabile del Veneto e la Fondazione Orchestra di Padova e del Veneto e si avvale del contributo del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e del Turismo e della Regione del Veneto.

Martedì 23 dicembre, ore 20.45
Teatro Comunale G. Verdi

RIGOLETTO
Melodramma in tre atti – Libretto Francesco Maria Piave
Musica: Giuseppe Verdi

Il Duca di Mantova, IVAN MAGRI’
Rigoletto, ENKBATH AMARTUVSHIN
Gilda, ENKELEDA KAMANI
Sparafucile, ANTONIO DI MATTEO
Maddalena, MARIA BARAKOVA
Giovanna, ALICE MARINI
Monterone, GABRIELE SAGONA
Marullo, GABRIELE NANI
Matteo Borsa, ANTONIO FELTRACCO
Il Conte di Ceprano, CARLO DI CRISTOFORO
La Contessa di Ceprano, MONICA BIASI
Paggio, SILVIA CELADIN

Coro Lirico Veneto
Orchestra di Padova e del Veneto
Maestro concertatore e direttore d’orchestra: Giampaolo Bisanti
Scenografia virtuale FEDERICO CAUTERO
Visual director GIUSEPPE EMILIANI

Informazioni
Biglietteria Teatro Verdi: tel. 049/87770213
L’acquisto online riguarda solo i posti di Platea e di Galleria. I posti nei Palchi possono essere acquistati solo presso la Biglietteria del Teatro.

Comune di Padova - Settore Cultura Turismo Musei e Biblioteche
UOC Manifestazioni e Spettacoli 
049 8205611-5623
manifestazioni@comune.padova.it 

Aggiungi un commento