Saggia_mente 2019

Ciclo di incontri dedicati alla presentazione di libri di alta divulgazione, di prodotti della ricerca e di romanzi legati a vario titolo alla città e al territorio, ma anche a conversazioni con esperti su temi culturali interessanti e stimolanti. Libri e parole per sapere, vicini agli interessi, alle curiosità, alla voglia di conoscere di tanti ‘non addetti a i lavori’.
Libri e parole vicini alle emozioni, ai problemi, alle riflessioni dell’oggi.

Binario vivo di Ernesto Milanesi
21 maggio, ore 17:30
Musei Civici agli Eremitani, Sala del Romanino

Un testo teatrale per raccontare un'impresa eroica e straordinaria con un saggio di Umberto Curi e un'appendice di Carlo Vitelloni Editore TOP, Teatri Off Padova, 2018

Binario Vivo racconta con le parole di Ernesto Milanesi, giornalista e scrittore padovano, un incredibile fatto di cronaca avvenuto nell’agosto 2015: l’attraversata a piedi del sudanese Abdul Rahman Haroun lungo l’Eurotunnel ferroviario della Manica per raggiungere l’Inghilterra. Nessuno ci è mai riuscito prima, nessuno è uscito vivo, camminando dentro il tunnel al buio, a fianco dei treni che sfrecciano a elevata velocità e a pochi centimetri dai cavi dell’alta tensione. Quasi cinquanta chilometri, un passo dopo l’altro…: gesta che ricordano quelle di Filippide dopo la battaglia di Maratona, e la vicenda di Enea, primo profugo della nostra storia, due eroi tenaci dell’epopea classica evocati dallo spettacolo.

Loris Contarini legge alcuni brani, Carlo Vitelloni racconta le tavole, Ernesto Milanesi dialoga con Umberto Curi

Le scritture delle donne in Europa. Pratiche quotidiane e ambizioni letterarie (secoli XIII-XX) di Tiziana Plebani, Carrocci Editore 2019
29 maggio, ore 17:30
Musei Civici agli Eremitani, Sala del Romanino

Fu la possibilità di scrivere nella propria lingua madre ad aprire la strada alle scritture femminili. Da quel momento, le donne iniziarono ad appuntare note, inviare lettere, consegnare volontà ai testamenti e più vivo si fece in alcune il desiderio di sperimentare registri letterari ed esprimere le proprie propensioni spirituali e politiche. Quante più donne accedevano all'istruzione, per lo più ostacolata ma sempre da loro rivendicata e ricercata anche attraverso percorsi di autoapprendimento, tanto più numerose diventavano quelle che ambivano a utilizzare la scrittura anche al di fuori delle pratiche quotidiane. Una scarsa padronanza della penna e della grammatica non fu di eccessivo ingombro e la confidenza maturò nel tempo un’originale relazione con la propria intimità. Ma le donne scrissero di tutto, dai pamphlet ai romanzi, dalle petizioni ai trattati, dalle poesie ai libri di cucina; scegliendo il mezzo di comunicazione più efficace e più in voga, intervenendo in ogni momento di rinnovamento sociale e partecipando al confronto tra i sessi attorno all'eterna interrogazione sulla differenza dei generi: una delle grandi narrazioni dell’umanità.

Introduce Vincenza Cinzia Donvito (Biblioteca Civica - Settore Cultura, Turismo, Musei e Biblioteche), Tiziana Plebani (autrice, storica e saggista), dialoga con Paola Molino (Università degli studi di Padova)

 

Info
ingresso libero fino ad esaurimento posti
tel. +39 049 8204811
e-mail biblioteca.civica@comune.padova.it