Un violino alla riscoperta dell'arte

Un violino alla riscoperta dell'arte

Due concerti di Tommaso Luison

La piccola rassegna “Un violino alla riscoperta dell’arte” è un progetto di Tommaso Luison in collaborazione con l’Associazione Amici della Musica di Padova, l’Associazione La Torlonga e il Museo La Specola.
In questi concerti Luison riempirà con le note del suo violino due meravigliosi luoghi storici della città di Padova: l’Odeo Cornaro (via M. Cesarotti, 37) e il Museo La Specola (Vicolo dell'Osservatorio, 5).
I concerti saranno preceduti dalla visita guidata a cura delle associazioni di riferimento.
Il doppio concerto di lunedì 29 luglio (20:30 e 22) al Museo La Specola titola “L’angelo sulla torre”.
Il programma propone musiche di Biber, Tartini e Schultz.

In cima alla Torre che domina la città di Padova risuona la voce di un violino, per la prima volta. Uno spazio musicale dedicato all’Angelo, in due interpretazioni lontane trecento anni l’una dall’altra: l’Angelo Custode della Passagalia di Biber e l’Angelo Gabriele della Sonata per l’Annunciazione di Schultz. Tartini, nel caleidoscopio di significati delle sue piccole sonate, ci riporta sulla Torre e ci invita ad alzare gli occhi e guardare le stelle.

I concerti organizzati dagli Amici della Musica di Padova in collaborazione con l’associazione La Torlonga e il Museo La Specola si inseriscono all'interno della Rassegna Destinazione Lune, programmata dall'INAF - Osservatorio Astronomico di Padova per celebrare i 50 anni dall'allunaggio, e festeggiano anche i 20 anni dell'Istituto Nazionale di Astrofisica.

Saranno preceduti da una visita guidata al Museo La Specola a cura dell'associazione La Torlonga.

Informazioni
Biglietto unico € 20 (visita guidata + concerto)
Acquisto biglietti in prevendita obbligatorio.

Associazione La Torlonga

 

Transitions

Transitions

6 concerti di musica da camera

Transitions è il titolo della prima delle due rassegne di musica classica che MoMùs More Music offrirà al pubblico di Barco Teatro nella stagione invernale 2019-2020.
Si tratta di un ciclo di 6 concerti di musica da camera il cui tema, come accennato dal titolo, è la complessità e il fascino della trasformazione del linguaggio musicale nel delicato passaggio dal classicismo all’età moderna.
Compositori a cavallo tra ‘800 e ‘900, o tra ‘900 e contemporaneità che, pur nella ricerca di un rinnovato linguaggio in grado di rappresentare un’esigenza di evoluzione e un passaggio culturale, non rinnegano il passato e la tradizione ma si pongono come rinnovata reinterpretazione, dando vita a nuove tessiture sonore, rielaborando pensieri ancestrali e aprendo percorsi inusitati e fecondi, regalando pagine di straordinaria bellezza e coinvolgimento. 

Per questo progetto a Barco Teatro sono stati ancora una volta coinvolti giovani talenti della musica, cercando di offrire al pubblico varietà di formazioni cameristiche, di strumenti e di repertori musicali. Agli strumenti accompagnati dal pianoforte (violino e flauto), si susseguono due recitals solistici (arpa e violoncello) e due formazioni più complesse, un trio pianoforte-violino –violoncello e un quartetto d’archi, composti da affermati giovani leve della musica, tutti già impegnati in carriere concertistiche di crescente successo, alcuni ancora impegnati in percorsi di perfezionamento in Italia e all’estero. 

I concerti si terranno le domeniche pomeriggio, alle ore 18.00, ogni 15 giorni a partire dal 13 ottobre sino ad arrivare al 15 dicembre e si avvarranno, come di consueto, delle presentazioni di Alessandro Tommasi, che illustrerà al pubblico non solo i repertori di ogni singolo concerto ma anche il progetto generale che li lega insieme, per far apprezzare al massimo la musica al pubblico presente. 
Al termine di ogni concerto, l’aperitivo offerto da Barco Teatro crea una conviviale occasione di incontrare gli artisti e scambiare qualche chiacchiera in compagnia.
Direzione artistica del progetto a cura di Alessandro Tommasi e Giacomo Susani.
 
PROGRAMMA

13 ottobre
Violino e Pianoforte

Daniele Sabatini, Simone Rugani
Programma: J. Brahms (1833-1897), Sonata per violino e pianoforte n. 2 op. 100 - M. Kagel (1931-2008), Klangwölfe per violino e pianoforte - M. Ravel (1875-1937), Sonata per violino e pianoforte n. 2

27 ottobre
Flauto e Pianoforte

Tommaso Benciolini, Claudio Bonfiglio
Programma: A. Casella (1887-1947), Sicilienne et Burlesque - N. Campogrande (1969), Nudo per pianoforte solo - G. Scelsi (1905-1988), Pwyll per flauto solo - A. Casella (1887-1947), Barcarola et Scherzo - A. Battistoni (1987), Eterno ritorno (prima esecuzione assoluta)

10 novembre
Arpa

Stefania Scapin
Programma: B. Britten (1913-1976), Suite for Harp Op.83 - G. Faurè, (1845-1824), Una chatelaine en sa tour, Op. 110 - N. Rota (1911-1979), Sarabanda e Toccata - D. Scarlatti (1685-1757), Sonata K 208 in La maggiore; Sonata K 19 in Fa minore - C. Debussy (1862-1918), Clair de Lune dalla “Suite Bergamasque”

24 novembre
Violoncello

Piero Bonato
Programma: G. Cassadò (1897-1966), Suite per violoncello - K. Penderecki (1933), Violoncello totale - Z. Kodàly (1882-1967), Sonata per violoncello op. 8

1 dicembre
Quartetto d’archi

zArt Quartet (E. F. Maligno, S. Sottolano,  N. Pignataro, F. Ragnini)
Programma: J. Haydn (1732-1809), Quartetto op. 77 n. 1 Hob III:8 -  L. Janàček (1854-1928), Quartetto n. 2 “Lettere intime”

15 dicembre
Violino, Cello, Piano

Trio Conova (C. Riccardi, N. Braun, V. Alevizos)
Programma: V. Alevizos, Parekthesis - S. Rachmaninoff (1873, 1943), Trio elegiaco n. 1 - M. Ravel (1875-1937), Piano Trio in A minor n.67

Informazioni
Biglietto unico: intero € 13 (comprensivo di introduzione, concerto e aperitivo), ridotto € 6,00 per studenti.
Prenotazione consigliata al numero: 3755764000

Barco Teatro
info@barcoteatro.it
www.barcoteatro.it

NOTTURNI D'ARTE 2019

NOTTURNI D'ARTE 2019

In viaggio. Esplorazioni d'arte e altro ancora

Padova, Sedi e orari diversi
Dal 25 luglio al 31 agosto 2019

Scarica il Programma

Il tema di quest’anno dei Notturni d'Arte, dopo la preziosa carrellata sugli affreschi trecenteschi dell’edizione 2018, è dedicata al viaggio, nelle sue diverse accezioni. Lo spunto viene dalle esplorazioni di un personaggio straordinario: Giovanni Battista Belzoni, che all’inizio dell’Ottocento scoprì la grandiosità della civiltà egizia. A Belzoni il Comune di Padova dedicherà una mostra memorabile da ottobre 2019 a giugno 2020, con reperti provenienti dai più importanti musei italiani e europei.

Ma quest’omaggio a un concittadino speciale, che ha ispirato al cinema il personaggio di Indiana Jones, è pretesto per altri viaggi, tra la storia del giocattolo e quella del volo, nello spazio delle stelle, nel mondo delle piante, delle visioni precedenti all’invenzione del cinema, e molto altro ancora, nell’ottica della scoperta e perfino della ricerca interiore. Un programma di particolare varietà, brillante, animato come di consueto da letture e spettacoli, a cui auguriamo di ritrovare l’ormai consueto successo.

La Rassegna si aprirà giovedi 25 luglio (Musei Civici agli Eremitani), proprio all'insegna di Belzoni: una conferenza dal titolo Alla scoperta dell’Egitto: in viaggio con Giovanni Battista Belzoni, a cura dell'archeologa Francesca Veronese (conservatrice del Museo Archeologico - Musei Civici di Padova) e una performance di teatro, musica e danza, accompagneranno la visita libera al Museo Archeologico e alla Collezione egizia dei Musei Civici.

La chiusura della manifestazione si terrà il 31 agosto, ore 21.00 presso l'Auditorium del Centro culturale Altinate San Gaetano, con la proiezione del film 2001 Odissea nello spazio, un omaggio a Stanley Kubric

Un interprete LIS - Lingua dei Segni Italiana renderà accessibile al pubblico sordo tre serate (26 luglio, 2 e 10 agosto).

Direzione, cura, organizzazione e progetto: Settore Cultura Turismo Musei e Biblioteche

Con il contributo di: Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo

Con la collaborazione di: Università degli Studi di Padova, Comune di Arquà Petrarca, MUSME, Conservatorio Pollini, CAM Centro di Ateneo per i Musei dell’Università di Padova: Museo di macchine “E.Bernardi”, Museo di Geografia, Messaggero di sant’Antonio, Museo della Padova Ebraica, Museo del Precinema - Collezione Minici Zotti, Museo Veneto del Giocattolo, Museo del Volo, Orto botanico dell’Università di Padova, Planetario di Padova, Veneranda Arca di S. Antonio

INFORMAZIONI
LIS accessibile al pubblico sordo tramite il servizio di interpretariato LIS – Lingua dei Segni Italiana

Costo biglietti “Notturni d’Arte”
Biglietto unico € 5,00 a persona per l’accesso ad una singola serata, tranne per le serate in cui è previsto un costo diverso.
Ingresso gratuito per bambini fino a 12 anni, disabili e un accompagnatore.
Biglietti da acquistare presso le sedi in programma per: Orto Botanico, MUSME, Navigazione in battello, Museo del Giocattolo, Planetario di Padova, Museo della Padova Ebraica, Promovies

Abbonamenti
Biglietto € 10,00 a persona per l’accesso a 3 serate
Biglietto € 16 a persona per l’accesso a 4 serate più la guida stampata
Costo della guida stampata: € 6,00

Prevendita
Ufficio IAT-Informazioni e Accoglienza turistica (Vicolo Cappellato Pedrocchi). Orario: da lunedi a sabato 9-17; domenica 10-15; aperto il 15 agosto con orario festivo.
I biglietti saranno acquistabili entro le ore 17 del giorno dell'evento, fino a esaurimento della disponibilità

Il biglietto dovrà essere esibito all’inizio della serata per comprovare l’avvenuto pagamento. Non è previsto alcun rimborso in caso di mancata partecipazione o di mancato svolgimento della serata per motivi indipendenti dall’organizzazione.
Si richiede la puntualità. Perde il diritto all'entrata chi, già in possesso del biglietto, non rispetterà l'orario di inizio del programma indicato nel biglietto.

Settore Cultura Turismo Musei e Biblioteche - Via Porciglia 35, Padova
Tel. 366 6436212
notturnidarte@comune.padova.it
 

Odeo Days

Odeo Days

Programma di luglio-agosto-settembre

Da giugno a settembre la Loggia e l'Odeo Cornaro saranno protagonisti  di una serie di spettacoli, laboratori, concerti e appuntamenti speciali. Dopo la positiva esperienza della prima edizione 2018, l'Assessorato alla Cultura del Comune di Padova e l'Associazione Teatro Boxer propongono la seconda edizione di Odeo days ancora più ricca di ispirazioni e stimoli,coinvolgendo ulteriormente le varie realtà cittadine e regionali, non dimenticando il confronto con il panorama teatrale italiano.

Il nucleo narrativo rimarrà sempre quello suggerito dall'Odeo: il rinascimento in ogni sua forma e vocazione. La storia si intersecherà alla riscoperta dei miti, la musica alle riflessioni sui nostri tempi, la fusione tra l'antico e il contemporaneo sarà un nuovo modo di gioco drammaturgico.
Anche per quest'anno, l'intento è quello di far conoscere ai cittadini l'Odeo e Loggia nella veste in cui nacque: quella di teatro. Il luogo creato dal Falconetto, su commissione di Alvise Cornaro, nato per rappresentarvi le opere di Angelo Beolco detto Ruzzante sarà nuovamente uno spazio teatrale aperto a tutti.

Alvise Cornaro, il proprietario dell’Odeo, aveva un sogno: costruire un teatro pubblico per i cittadini, sull’esempio degli antichi romani e dei greci, di quell’antichità classica a cui il precoce umanesimo veneto e il Rinascimento Italiano guardavano con ammirazione e desiderio.
Fece costruire la Loggia, a cui noi possiamo accedere oggi, con gli occhi colmi di meraviglia, perché fosse spazio teatrale, e questa è oggi uno splendido dono alla sua città.

Programma
LUGLIO

24 e 25 luglio
GRAN CIRCO RUZZANTE

progetto speciale - liberamente tratto dalle lettere di Ruzante
di e con Andrea Pennacchi
regia di Emanuele Pasqualini
con Sandro Sassi e Alessandra Ricci
musiche dal vivo di Giorgio Gobbo e Annamaria Moro
voce recitante: Giancarlo Previati
compagnia Pantakin di Venezia/Teatro Boxer
Uno spettacolo di circo, volto a divulgare l’arte immaginifica dello Shakespeare “padovano”: Angelo Beolco, detto il Ruzante. Attraverso le acrobazie circensi, la compagnia mostrerà al pubblico, la maschera clownesca dei personaggi ruzzantiani, permettendo a tutti di apprezzare il suono del pavano, padre di tutti i grammelot.
Un’ora di comicità e poesia, riportate nella loggia da cui tutto ebbe inizio.

31 luglio
LA DODICESIMA NOTTE di William Shakespeare

Progetto SWAN
Regia: Federica Girardello
Interpreti: Marta Gasparini, Federica Girardello, Margherita De Luca, Lodovica Vazzoler, Rebecca Garlet, Giulia Donnola, Sara Giovannini, Elena Girardello, Daniela Piccolo, Sofia Boz
Commedia in cinque atti, prende il nome dalla festa della dodicesima notte, ovvero l’Epifania.
La storia si basa su due fratelli: Viola, naufragata sulla costa di dell’Illiria, e Sebastian, il fratello che lei crede morto. La particolarità di questa messa in scena è che ad interpretare i ruoli, maschili e femminili, sono solo donne che compongono la compagnia Swan (Acting Women Acting Nucleus); ma non solo, le stesse attrici ricopriranno più personaggi che si differenzieranno da particolari stilistici e, ovviamente, dall’interpretazione delle attrici.

AGOSTO

7 agosto
NOTE DI MEZZ’ESTATE

associazione Musincantus e  Orchestra GAV – Giovani Archi Veneti
diretta dal M° Lucia Visentin
L’orchestra GAV, acronimo di Giovani Archi Veneti, diretta sin dalla sua nascita da Lucia Visentin, nei suoi ventiquattro componenti annovera vincitori di importanti concorsi nazionali e internazionali e ha vinto prestigiose competizioni nazionali e internazionali.
Il programma del concerto Note di mezz’estate proposto per Odeo days, spazierà dal barocco Veneziano con il concerto per due celli ed orchestra RV 531 ed il concerto in re minore Rv 123 di Antonio Vivaldi, che insieme alla celebre Holberg Suite di Edvard Grieg e alle danze ungheresi n° 1-2-4 di Johannes Brahms andranno a costituire i primi passi di un magico viaggio musicale.

29 agosto
QUEL CIRCO DI SHAKESPEARE
Un carro di risate e acrobazie circensi

di e con Beatrice Zuin e Solimano Pontarollo e con Melanie Vinco
Casa Shakespeare
Perché tradurre in “circo” testi ricchi di contenuti, poesia, intensità e drammaticità unici al mondo? Per quel modo di raccontare dei cantastorie che trasformano in teatro qualunque spazio in cui ci sia almeno una persona disposta ad ascoltare.
Ecco! Sotto la semplicità della riscrittura comica di una tragedia c’è la disponibilità al confronto, al dialogo, all’ascolto. Ed è subito narrazione.

SETTEMBRE

4 settembre
ORFEO ED EURIDICE

testo e regia di Cèsar Brie
Selezione Inbox 2014, finalista Premio Cassino Off 2016
In scena Giacomo Ferraù e Giulia Viana
musiche Pietro Traldi
costumi Anna Cavaliere
disegno luci Sergio Taddo Taddei
produzione Eco di fondo / Teatro Presente
uno spettacolo di Eco di fondo e di Teatro Presente
Orfeo con la sola forza del suo canto prova a strappare la sposa Euridice dal regno dei morti. La forza e la poesia del mito si intrecciano in questo lavoro con due temi controversi: l'accanimento terapeutico e l'eutanasia.
Senza offrire risposte, lo spettacolo interroga lo spettatore sulla forza e la grandezza dell’amore. Abbiamo riletto il mito di Orfeo ed Euridice come metafora dell’eutanasia.

8 settembre, ore 9.00
SE UN MATTINO D’ESTATE
matinèe musicale

Con Annamaria Moro (canto e violoncello) e Giorgio Gobbo (canto e chitarra)
Quando la presa del re sole si fa meno ferrigna giunge settembre, l'estate si fa più dolce e il cielo di Padova splende di una luce trasparente, rinnovata dopo le prime piogge. Un uomo e una donna si incontrano nelle prime ore di un giorno di fine estate, per dialogare con musica e canzoni nello spazio suggestivo dell'Odeo Cornaro; alla ricerca di un filo, di una trama in controluce tra canzoni e improvvisazione, per mettere in relazione due mondi diversi, eppure vicini. Abbiamo immaginato i suoni, le melodie... Ma anche i graffi e i rumori. Perché dentro quella brezza che si chiama musica possa trovare spazio anche l'imprevisto. Se un mattino d'estate...

11 settembre
SHAKESPEARE AT VENICE da William Shakespeare
un viaggio nelle opere italiane ovvero venete del Bardo

drammaturgia Josh Lonsdale
regia Lorenzo Maragoni
con Giulia Briata, Josh Lonsdale alla chitarra Giorgio Gobbo
costumista Lauretta Salvagnin
Produzione Teatro Stabile del Veneto
Una lettura scenica in inglese ma pensata per un pubblico italiano che rende omaggio all’amore di  William Shakespeare per l’Italia. In particolare, due attori e un musicista metteranno in scena alcuni episodi del teatro shakespeariano ambientati a Verona e a Venezia, a tratti coinvolgenti, a tratti ironici, a mostrare il volto inedito di Shakespeare in una messinscena originale del Teatro Stabile del Veneto.
L’opera si avvale dell’interpretazione di Giulia Briata e Josh Lonsdale, con la regia di Lorenzo Maragoni, accompagnati dalla chitarra di Giorgio Gobbo.

17 settembre
ARISTODEMO - il migliore tra il popolo

studio su Aristodemo di Carlo de’ Dottori
regia di Leonardo Tosini
con Maria Celeste Carobene e Gaetano Tizzano
Consulenza storica e letteraria di Enrico Zucchi
coordinamento Giovanni Florio
Con il sostegno del Dipartimento di Studi Linguistici e Letterari (DiSLL) dell'Università degli Studi di Padova".
Con il patrocinio scientifico del progetto di ricerca RISK - Republics on the Stage of Kings (ERC - Starting Grant 2017).
progetto di MatricolaZero/ Teatro Boxer
Aristodemo: stiamo parlando di una tragedia in cinque atti del 1600 di Carlo de’ Dottori, e questo nome potrebbe non dire nulla…
Ma la missione dei ricercatori dell’Università di Padova e degli artisti di Matricola Zero è anche quella di riscoprire, riutilizzare, ricreare e rendere fruibile, contemporaneo e vivo ciò che al primo sguardo non lo sembra.
Ingredienti: un (quasi) re, una guerra (o meglio un’invasione), un popolo da accontentare!
Uno spettacolo che riporterà alla luce un testo e un autore dimenticati e coinvolgerà il pubblico interattivamente. Una tragedia comica attuale per scoprire quanto sia ciclica la nostra Storia.
ATTENZIONE - alle ore 18.00
Presentazione dello spettacolo, intervengono: Alessandro Metlica, Enrico Zucchi, Giovanni Florio (DiSLL - Unipd, progetto di ricerca RISK - Republics on the Stage of Kings - ERC - Starting Grant 2017), Leonardo Tosini (Matricola Zero, regista)

19 settembre
INCONTRARE IL RINASCIMENTO (OGGI)

a cura di Vittorio Bustaffa
Cosa vedono gli occhi di un artista di oggi quando guardano le opere del rinascimento?
Cosa ci insegnano Raffaello, Michelangelo e Botticelli a noi uomini del futuro che viviamo in un presente di immagini? Cosa ha voluto dire rinascita allora e come la possiamo intendere ora? Con alle spalle la Loggia Cornaro, gioiello cittadino della scenotecnica rinascimentale, ce lo prova a raccontare Vittorio Bustaffa tra suggestioni che provengono dall’arte, dalla filosofia e dalla letteratura.

Informazioni
tutti gli spettacoli iniziano alle ore 21:10 (ad eccezione della data dell’8 settembre)
Biglietti: intero 10€ - ridotto: 5€

tel. 347 1658472, 346 2279789, 339 7309922
odeodays@gmail.com
www.odeodays.com

Arena Romana Estate 2019

Arena Romana Estate 2019

Cinema Teatro Musica e Arte

Consueto appuntamento con il cinema all'aperto e le serate speciali ai Giardini dell'Arena Romana
Il ricco cartellone, curato dalla Promovies, accompagnerà i padovani fino al mese di settembre proponendo tutte le sere spettacoli diversi: rassegne, incontri culturali, serate speciali con i migliori film della stagione cinematografica, spettacoli teatrali, di danza e concerti musicali. Un cartellone di eventi che rappresenta un punto d’incontro e d’intrattenimento tra cultura e spettacolo in uno dei luoghi storici più importanti della città.
La manifestazione si è spostata quest’anno dall’Arena Romana, nella nuova temporanea location degli adiacenti Giardini dell’Arena con ingresso da via Porciglia, lato Piazzale Boschetti.

Sul grande schermo allestito all’aperto si alterneranno immagini ed emozioni dei film vincitori ai più importanti e prestigiosi Festival Internazionali, le opere segnalate dalla critica specializzata, le pellicole d’essai e quelle d’autore, le più divertenti commedie, dalle produzioni americane a quelle europee e nazionali. Non mancheranno naturalmente serate speciali e maratone non-stop come quella tradizionale di Ferragosto. Un nutrito calendario di titoli scelti e selezionati con l’accuratezza che contraddistingue la programmazione di Promovies.

Il Grande Cinema Estate parte con una serata speciale dedicata al cinema ed all’acqua, un omaggio all’area storica del Bastione dell’Arena Romana tra verde ed acqua con il pluripremiato film La forma dell’acqua di Guillermo Del Toro (lunedì 1 luglio) ed una escursione sul fiume Piovego a bordo di vecchia Caorlina a remi, navigando tra le Porte Contarine, Ponte Molino e il Bastione dell’Arena Romana.
La lunga rassegna cinematografica presenterà la migliore e più qualificata selezione dei film della stagione: dagli straordinari e premiati A Star is Born di e con Bradley Cooper e Lady Gaga a Bohemian Rhapsody di Dexter Fletcher e Bryan Singer sulla vita del mito di Freddy Mercury; dal premiatissimo La Favorita di Yorgos Lanthimos all’atteso, acclamato e premiato Green Book di Peter Farrelly; dai premiati La casa dei  Libri di Isabel Coixet, Se la strada potesse parlare di Barry Jankins, Tre volti di Jafar Panahi, e Vice - L’uomo nell’ombra di Adam McKay al coinvolgente e commovente Il professore e il pazzo di Farhad Safinia; dal suggestivo La donna dello scrittore di Christian Petzold all’ultimo straordinario lavoro dell’inossidabile Clint Eastwood Il corriere – The mule; dall’avventuroso film ecologico La donna elettrica di Benedik Erlingsson, all’elegante Il verdetto - The Children Act di Richard Eyred; dal drammatico Disobedience di Sebastian Lelio a  Dolor Y Gloria ultimo film di Pedro Almodovar fino a Van Gogh - Sulla soglia dell’eternità di  Julian Schnabel, presentato in Concorso al Festival di Venezia 2018 vincitore della Coppa Volpi per la migliore interpretazione maschile andata a Willem Dafoe.

Spazio anche al cinema italiano dal commovente Domani è un altro giorno di Simone Spada, ai divertenti Ma cosa ci dice il cervello di Riccardo Milani e 10 giorni senza mamma di Alessandro Genovesi; dalla commedia agrodolce Il grande spirito di Sergio Rubini, al divertente Momenti di trascurabile felicità di Daniele Luchetti, dalll’avventuroso Moschettieri del re – penultima missione di Giovanni Veronesi all’esilarante Non ci resta che il crimine di Massimiliano Bruno; dalla divertente commedia Croce e delizia di  Simone Godano.

In programma per sabato 20 luglio una serata speciale in occasione del 50° Anniversario dell’allunaggio “MARATONA SULLA LUNA” con i film The First Man di Damien Chazelle, il documentario Dalla terra alla luna di e con Tom Hanks e il film muto di inizio secolo Le Vojage sur la Lune del fantastico George Melies, uno dei maestri inventori dell’arte cinematografica.

Nella seconda parte dell’estate, da agosto a settembre, non mancheranno altri importanti titoli che stanno caratterizzando la stagione cinematografica 2018-2019 ed appuntamenti musicali e teatrali di grande interesse.

Un’altra interessante novità del 2019 è l’iniziativa “Navigando sul fiume”, che proporrà varie escursioni sul Piovego a bordo di una storica Caorlina degli anni ’30 in programma appuntamenti realizzati in collaborazione con l’Associazione Scuola Padovana di Voga Veneta Vittorio Zonca che prende il nome dall’architetto veneziano del ‘500. Non mancheranno inoltre le Visite Guidate all’antico Bastione dell’Arena e gli Omaggi cinematografici dedicati a Giotto ed alla Cappella degli Scrovegni e al Cinema d’Arte con la Serata edicata a Van Gogh con l’Incontro d’Autore con il giornalista e saggista Enzo Bordin sul tema” La follia nell’arte, l’Art Brut, l’arte grezza” e l’Incontro d’Autore previsto a settembre con lo storico dell’arte e docente universitario Prof. Enrico Maria Dal Pozzolo sul pittore veneziano Lorenzo Lotto (1480-1557) e la presentazione in anteprima del film documentario “Lorenzo Lotto, viaggio nella crisi del Rinascimento” dedicato al grande maestro della pittura veneta del ‘500.

Programma - 1a parte

Programma - 2° parte

Biglietti
Ingresso alle proiezioni: biglietto intero € 6,00 (inclusa tessera Arena Romana Promovies);
Biglietto tesserati € 5,00; biglietto ridotto tesserati (studenti e adulti over 65 € 4,50)
La tessera può essere richiesta alla cassa del cinema

Informazioni
cell. 344 2208190
info@promovies.it
www.promovies.it

 

Cinélite 2019. Cinema all'aperto

Cinélite 2019. Cinema all'aperto

Rassegna cinematografica

Programma

Al Giardino Barbarigo tornano gli appuntamenti estivi dei fine settimana con la rassegna cinélite, che per il 2019 non si discosta da quella che da quindici anni è l’architettura portante della rassegna.

Da giugno ad agosto tre giorni di programmazione settimanale, dieci weekend che coprono il meglio della stagione trascorsa.
Le domeniche ospitano i grandi successi made in USA, da Bohemian Rhapsody, Green Book, A Star is Born e Il corriere-The Mule.

Al sabato si spazia tra cinema italiano ed europeo: le migliori produzioni di Italia, Spagna e Francia: l’autorialità di Moretti (Santiago, Italia) si confronta con quella di Farhadi (Tutti lo sanno) e di Assayas (Il gioco delle coppie). E se il cinema d’oltralpe sa trovarsi a suo agio nei conflitti d’integrazione sociale (Nelle tue mani) quanto nella letterarietà romantica (Cyrano mon amour), le riflessioni made in Italy sulla malattia (Euforia, Domani è un altro giorno) sembrano aver individuato una via, non banale, per incontrare il favore del pubblico. A

Il venerdì resta invece ad appannaggio dei titoli più “di nicchia”, dall’Iran di Panahi (Tre volti) alla Colombia di Guerra (Oro verde), dalla poesia tra i banchi dell’infanzia (Lontano da qui) alla caparbia maternità di una giovane marocchina (Sofia), ad uno stralunato eco-thriller nella brughiera islandese (La donna elettrica).

A corroborare un programma già ricco si aggiungono due omaggi “contrapposti”: per il prossimo ritorno in sala di Woody Allen ecco il recupero, giusto a 40 anni dall’uscita, di quel capolavoro assoluto che è Manhattan; e per ricordare Agnès Varda, scomparsa a marzo scorso, ecco la riproposta del sorprendente tour fotografico di Visages, villages. E in apertura? Eldorado, ancora una “testimonianza” in collaborazione di Medici senza Frontiere.

Informazioni
Le proiezioni sono a spettacolo unico alle ore 21:15 e nell'accesso da via del Seminario 7 è anche quest'anno disponibile un ampio parcheggio per le auto.

Altre informazioni e schede film su www.movieconnection.it/cinelite

Biglietti: € 5,00 (già soci Tycoon); € 6,00 (primo ingresso + tessera Tycoon); € 4,00 (abbonati)

CIRCOLO THE LAST TYCOON
tel. 049 751894 - tycoon.pd@gmail.com
www.tycoon.pd.it

Gira le Mura! Giro a tappe delle mura padovane 2019

Gira le Mura! Giro a tappe delle mura padovane 2019

Prosegue anche per il 2019 il ciclo di visite guidate alle mura cittadine, attività che dalla fine del 2011 il Comitato Mura svolge con grande successo di pubblico e visitatori.
11 km di percorso, 19 bastioni, 6 porte ancora esistenti e 500 anni di storia: le mura rinascimentali rappresentano il "più grande" monumento della città di Padova, un patrimonio urbano, spesso poco visibile, che merita di essere esplorato. Con tre porte duecentesche e numerosi tratti supersiti: le mura medievali hanno protetto il centro della città; dimenticate e superate dalle fortificazioni successive, sono un segno della storia di Padova che può essere ancora scoperto e ripercorso.

Le visite comprendono le passeggiate lungo le mura e l'ingresso agli ambienti interni di volta in volta visitabili (lavori o attività in corso possono impedire temporaneamente l'accesso a uno spazio, mentre nuovi restauri possono rendere agibili spazi prima non accessibili).
Le passeggiate si svolgono la domenica mattina con partenza alle ore 9,30 e conclusione alle 12,30.
A cura dell'Associazione Comitato Mura di Padova

7 luglio
Dal Torrione Santa Giustina al Baluardo Cornaro
Ritrovo all'incrocio tra via Sanmicheli e via D'Acquapendente (ingresso Roseto comunale); si termina in via Cornaro
N.B. questa tappa termina alle ore 13

14 luglio
Il Ponte delle Gradelle di San Massimo e il Castelnuovo
Ritrovo in via Cornaro di fronte all'ex Macello; si termina in golena S. Massimo

Info
La partecipazione è gratuita, compresi i materiali a stampa distribuiti di volta in volta, previa iscrizione all'Associazione.
Non occorre prenotazione, è sufficiente presentarsi nel punto di ritrovo all’ora prefissata. Sarà possibile iscriversi al momento versando la quota annuale di 15,00 euro (anno solare), che permetterà di partecipare a tutte le attività dell'associazione, acquistarne le pubblicazioni a condizioni speciali.
In caso di  forte maltempo (pioggia insistente) la passeggiata non verrà effettuata e non verrà recuperata. Dato il carattere ciclico dell'iniziativa, le tappe perdute potranno essere recuperate dagli interessati nel ciclo successivo.

 

Associazione Comitato Mura di Padova
tel. 3476145908 – 328694268 
comitatomura@virgilio.it
www.muradipadova.it

 

Shakti Reloaded

Shakti Reloaded

Concerto a cura di Indo Jazz

Nell’ambito della Nuova Stagione Estiva di Spettacoli live organizzati dalla Promovies viene presentato il concerto musicale “Shakti Reloaded” che vede sul palco Riccardo Misto (chitarra elettrica 6/12 corde, rebab afghano) ed è centrato sul repertorio della storica formazione “Shakti” di John McLaughlin. Il progetto si fonda sulle influenze hindustano-carnatiche, dove gli elementi di queste due culture si fondono con le caratteristiche della musica occidentale (Jazz fusion). Il concerto di esordio di “Shakti Reloaded” è stato presentato anche a Roma, con la partecipazione della rinomata violinista indiana Dr.Lalitha Muthuswamy, nipote di L. Shankar, il co-fondatore di Shakti con John McLaughlin.

Il programma della serata comprende brani del repertorio Shakti e composizioni originali, dove trova spazio anche il Rebab afghano, l’antenato del Sarod indiano. La nuova edizione 2019 prevede infatti l’accoppiata con altri due interessanti musicisti, Angelo Sorato con il suo bansuri, uno dei flautisti più interessanti e versatili del panorama italiano, e Fabio Lazzarin alle tabla anche lui esponente di spicco per quel che riguarda le percussioni indiane,

Informazioni
Il biglietto d’ingresso: posto unico € 8.

info@promovies.it
www.promovies.it

L'Elisir d'Amore di G. Donizetti

L'Elisir d'Amore di G. Donizetti

Stagione Lirica 2019

La consueta anteprima della Stagione Lirica 2019 di Padova proporrà quale secondo titolo estivo, l'Elisir d'Amore di Gaetano Donizetti, uno dei titoli più amati dal pubblico, capolavoro di comicità ma al tempo stesso acuta riflessione sempre attuale sul potere delle dipendenze, delle illusioni e delle mistificazioni.
Secondo leggende riportate, L’elisir d’amore è stato scritto in soli quindici giorni, nel 1832, su un testo tratto da Le Philtre di Scribe da Felice Romani, uno dei più celebri librettisti dell’epoca.
In un villaggio dei Paesi Baschi, Nemorino è innamorato della ricca e capricciosa Adina, della quale non riesce ad attirare le attenzioni. Ascoltandola raccontare la storia di Tristano e Isotta, nasce in lui il desiderio di possedere il magico elisir d’amore.
L’arrivo in paese dell’intraprendente sergente Belcore, che subito corteggia con successo Adina, acuisce la gelosia di Nemorino, tanto che il medico-ciarlatano Dulcamara non ha difficoltà a vendergli del comune vino di Bordeaux, spacciandolo per il filtro tanto desiderato.
Adina accetta di sposare Belcore, mentre Nemorino, che non vede sortir effetto della presunta pozione, non avendo più soldi tenta il tutto per tutto arruolandosi e acquistando dell’altro elisir da Dulcamara. Questi racconta tutto alla giovane Adina che, commossa dal sacrificio di Nemorino, recede dal contratto di matrimonio con Belcore e gli dichiara tutto il suo amore.

L’OPV sarà guidata dal talentuoso direttore Nicola Simoni e il cast sarà composto dal giovane ma affermato soprano Jessica Nuccio nel ruolo di Adina, dal tenore Giordano Lucà nel ruolo Nemorino, mentre l’imbonitore Dulcamara, irresistibile personaggio di ambigua moralità e dispensatore di cialtroneschi filtri magici, sarà interpretato dal baritono Filippo Polinelli; completano la compagnia di canto Leonardo Lee (Belcore), vincitore dell’ultima edizione del Concorso Lirica Iris Adami Corradetti e Silvia Celadin (Giannetta).
Il Coro Lirico Veneto sarà preparato da Stefano Lovato e la regia sarà firmata dal gradito ritorno sulle scene cittadine di Yamal Das Irmich, con le scene e costumi di Matteo Paoletti Franzato.

L'Elisir d’amore, melodramma in due atti
Libretto di Felice Romani
Musica di Gaetano Donizetti

Personaggi ed  interpreti
Adina, Jessica Nuccio
Nemorino, Giordano Lucà
Dulcamara, Filippo Polinelli
Belcore, Leonardo Lee
Giannetta, Silvia Celadin

Coro Lirico Veneto
Maestro del coro Stefano Lovato

ORCHESTRA DI PADOVA E DEL VENETO
Maestro concertatore e direttore d’orchestra: Nicola Simoni

Regia: Yamal das Irmich
Scene e costumi: Matteo Paoletti Franzato

Informazioni
In caso di maltempo lo spettacolo si svolgerà all'Auditorium Pollini

BIGLIETTI
Interi Euro 30,00
Ridotti Euro 25,00
Ridotti Under 35 Euro 20,00
Prevendite: Biglietteria del Teatro Verdi di Padova a partire dal mese di luglio

Settore Cultura Turismo Musei e Biblioteche
Manifestazioni e Spettacolo
Tel. 049 8205611-5623
manifestazioni@comune.padova.it

Ufficio Stampa:
Studio Pierrepi di Alessandra Canella
Cell: (+39) 348-3423647
E-mail: canella@studiopierrepi.it
www.studiopierrepi.it

#padovacultura
#estatecarrarese

 

Orfeo ed Euridice di W. Gluck

Orfeo ed Euridice di W. Gluck

Stagione Lirica 2019

Avvio della Stagione Lirica 2019 di Padova in uno dei luoghi più rappresentativi della città, il Castello Carrarese.
La consueta anteprima, che aprirà le proprie porte alla rassegna autunnale, proporrà una delle opere più rivoluzionarie della storia del melodramma, l’Orfeo ed Euridice di Christoph W. Gluck.
Manifesto di una nuova sensibilità musicale e teatrale, l’Orfeo, composto nel 1762, segna anche l’importante debutto del Maestro Marco Angius in veste di concertatore e direttore d’orchestra nella Stagione Lirica, cartellone che ha nell’Orchestra di Padova e del Veneto un partner di riferimento; e lo stesso Angius sottolinea gli aspetti innovativi dell’edizione, sospesa tra tradizione e riscoperta grazie ad alcuni innesti di altre opere, secondo una tradizione ben consolidata fin dall’epoca di Gluck: ecco dunque che accanto alla danza delle furie del coevo balletto Don Juan (1761) ci sarà spazio per l’Orpheus di Liszt e per un inedito quanto stimolante incontro con la musica di Luciano Berio, in una perfetta sintesi fra antico e moderno.

Orfeo ed Euridice, il capolavoro di Christoph Willibald Gluck e Ranieri de’ Calzabigi, è l’opera che nel Settecento rivoluzionò la storia del teatro musicale. Il mito di Orfeo, che nel 1607 segna con Monteverdi la nascita dell’opera in musica, viene rivisitato nel 1762 da Gluck alla ricerca di una dimensione più attuale del canto narrativo. Il drastico taglio di fronzoli e abbellimenti in favore di un realismo espressivo di fatti e sentimenti apparve allora cosa rivoluzionaria, paragonata al dilagare di mode e stereotipi che lasciavano massimo spazio all’ego narcisistico dei cantanti. Nel volgere di pochissimo tempo l’Orfeo divenne un vero e proprio successo europeo, ritornando alla potenza del teatro, fondata sull’equilibrio classico fra luce ed ombra, e restituendo valore alla musica e alla parola e non più solamente ai virtuosismi vocali.
La messa in scena ideata per la stagione Lirica di Padova 2019 sarà una sintesi fra antico e moderno, dove un coro greco onnipresente accompagnerà un’azione coreografica altrettanto pregnante, impostata sull’avanguardia della danza contemporanea.

La convergenza tra idee musicali e regia trova nello spettacolo un terreno di fertile creatività, rimarcata dalla componente sceno-coreografica affidata all’avanguardia della danza contemporanea della Compagnia Lubbert Das. Il cast della serata vedrà nel ruolo di Orfeo Laura Polverelli, uno dei mezzosoprani più acclamati della sua generazione, affiancata da Michela Antenucci (Euridice) e dalla giovanissima Veronica Granatiero (Amore), mentre il coro Iris Ensemble sarà preparato da Marina Malavasi.

Orfeo ed Euridice, azione teatrale in tre atti (Vienna, 1762)
Libretto di Ranieri de’ Calzabigi
Musica di Christoph Willibald Gluck

Personaggi ed  interpreti
Orfeo, Laura Polverelli
Euridice, Michela Antenucci
Amore, Veronica Granatiero

Coro Iris Ensemble
Maestro del coro: Marina Malavasi

ORCHESTRA DI PADOVA E DEL VENETO
maestro concertatore e direttore d’orchestra: Marco Angius

Spettacolo sceno-coreografico
Coreografia di Nicoletta Cabassi/Compagnia Lubbert Das

Informazioni
ATTENZIONE - In caso di maltempo lo spettacolo si svolgerà all'Auditorium Pollini

BIGLIETTI
Interi Euro 30,00
Ridotti Euro 25,00
Ridotti Under 35 Euro 20,00
Prevendite: Biglietteria del Teatro Verdi di Padova a partire dal mese di luglio

Settore Cultura Turismo Musei e Biblioteche
Manifestazioni e Spettacolo
Tel. 049 8205611-5623
manifestazioni@comune.padova.it

Ufficio Stampa:
Studio Pierrepi di Alessandra Canella
Cell: (+39) 348-3423647
E-mail: canella@studiopierrepi.it
www.studiopierrepi.it

#padovacultura
#estatecarrarese

 

Pagine

L M M G V S D
 
 
 
 
 
1
 
2
 
3
 
4
 
5
 
6
 
7
 
8
 
9
 
10
 
11
 
12
 
13
 
14
 
15
 
16
 
17
 
18
 
19
 
20
 
21
 
22
 
23
 
24
 
25
 
26
 
27
 
28
 
29
 
 

Condividi su:

youreporter