Porta Aperta 2020

Primavera - Estate 2020

 
Per il 2020 il Progetto Porta Aperta, per l’ottavo anno consecutivo, curato dall’Associazione Xearte riprende l’attività di esposizioni, incontri, installazioni, proiezioni, performance.
 
In questo suggestivo monumento del 1528, del famoso architetto Giovanni Maria Falconetto (Verona 1468 - Padova 1535), che fu anche pittore e scenografo, vi si svolgeranno le attività con mostre, eventi teatrali e musicali..., attraverso le quali si intende fare un’operazione di restituzione alla città di uno spazio in cui fare cultura, arte e in cui incontrarsi, scambiarsi opinioni, declamare poesia, ascoltare musica, svolgere performance di varia natura...
 
Gli eventi proposti si inseriscono nella programmazione primaverile ed estiva del Settore Cultura Turismo Musei e Biblioteche del Comune di Padova, con il supporto dell’Associazione Xearte, e intendono tener vivo un dibattito culturale ed un interesse consapevole verso un luogo storico e artistico così carico di significati simbolici nella vita cittadina, durato cinque secoli.
 
 
7 - 22 marzo 2020
MOSTRA "RE_CUPERO D’IDENTITA’"
GIORGIO BELLINGARDO E CARLO BETTIN
Inaugurazione: sabato 7 marzo, ore 18:30
E’ curioso che la nascita della pittura moderna con l’impressionismo, coincida con la nascita del tessuto jeans. Brandelli di questa tela vengono riconvertiti da Giorgio Bellingardo, con tanto di cuciture e borchie in opere dove lo scenario si fa ampio, dove l’orizzonte, non vuole nascondere o celare, ma desidera raccontare la storia non sempre trasparente. Una pittura fatta di cuciture sottili, mai scontate rivisitate con l’occhio di un sarto attento, dove l’amore per il mestiere, per la vita, non egoisticamente solo la propria, si fa segno generatore di albe gentili, per raccontare colori intimi e sinceri.
Carlo Bettin. Donne, uomini, bambini e i loro organi, fauna, flora, tutto viene numerato cifrato catalogato. Simboli, segni, numeri, disposti in maniera sofisticata secondo un'estetica apprentemente razionale. Semplificazioni, semplificazioni commerciali e tutto diventa merce, tutto è pronto per essere venduto.
 
 
26 marzo - 15 aprile
VIAGGI… INCANTI …
SERGIO MARCHIORO - ANNA MARIA SCHIAVO - MARIA PIA TORCELLI
Inaugurazione: giovedì 26 marzo, ore 18:30
C’era una volta un re seduto sul sofà che disse alla sua dama: raccontami una storia che parli di viaggi e di incanti e la storia cominciò…
Le fantasiose sculture di Sergio Marchioro, mentre giocano con l’aria, raccontano viaggi come desideri e curiosità divertenti, preziose armonie spaziali, ma anche grandi insidie e dolorose necessità.
Annie c’est moi ama “illustrare“ le persone, ponendole tra gli elementi per lei vitali: aria, acqua e terra. Coi suoi colori descrive le loro anime. Immancabile la presenza di animali, spesso alati, esseri viventi a lei congeniali per indole. Annie è istintiva, guarda le persone e ne sente il colore, quel colore che diventa anche parola.
Infiniti sono i viaggi nell’anima per Maria Pia Torcelli e lungo il viaggio la ricerca e l’attesa estatica di qualcosa che deve venire: l’incanto per la foglia che si stacca lenta dal ramo, per l’uccello che continua il suo volo, in fondo lontananze irraggiungibili e mille bagliori tra i rami.
Sergio Marchioro dal 1971 espone e partecipa a molte mostre. La sua formazione artistica si è realizzata frequentando l’Istituto di Arte Applicata, la Facoltà di Architettura, corsi di incisione e di illustrazione. E’ stato docente di Arte ed Immagine nella scuola pubblica, ha tenuto corsi di disegno, acquerello e ceramica presso università del tempo libero.
Maria Pia Torcelli, nata a Udine e vive a Padova. Ha frequentato nel 1985-86 la Scuola Internazionale di Grafica di Venezia dove ha approfondito la tecnica dell’incisione calcografica, nella stessa scuola ha appreso nel 2005-2006 la xilografia. Si è dedicata anche alla scultura. Ha allestito numerose mostre in Italia e all’estero. La prima personale di xilografie nel febbraio 2014.
 
 
18 - 30 aprile
MOSTRA DI PITTURA "MAGICA PERSIA IN DIALOGO"
PAOLA GAMBA E NAHID KHALEGHPOUR
Inaugurazione: sabato 18 aprile, ore 18:30
Bellezza, cultura, storia, umanità, elementi indimenticabili per chi ha vissuto in Iran... Emozioni forti, incancellabili per chi ha da poco visitato l'Iran... Insieme, Nahid e Paola, in questa esposizione rivivono la magia della Persia e la magia dell'Arte che unisce e rafforza il loro dialogo...
Una visione da due punti di vista: una dall’interno, dal vissuto del paese, uno dall’esterno, come visitatrice, a confronto.
Paola Gamba. Nata a Thiene (VI) vive e lavora a Portogruaro. Ha approfondito lo studio della figura e del ritratto, realizzati con una sottolineatura espressionista. Si é interessata in particolare al rapporto che la luce crea con lo spazio e con le scansioni anatomiche. In seguito ha concentrato la sua ricerca sul linguaggio informale-astratto che le ha permesso di uscire dal perimetro condizionante della figura e di esprimersi con tecniche miste utilizzando superfici ottenute dall’assemblaggio di colore e collage, di materia e trasparenza. Ha frequentato la Scuola Internazionale di Grafica di Venezia e successivamente corsi di pittura a Berlino Boehlen, Halle, Lipsia e Lienz. Le sue ricerche continuano sia in ambito figurativo che astratto perché, come afferma l'Artista, “non esiste contraddizione tra i due generi, ma consequenzialità, la contraddizione é solo apparente”. Ha esposto in numerose personali e collettive in Italia e all’estero, inoltre ha partecipato a concorsi nazionali e internazionali riscuotendo premi e riconoscimenti.
Nahid Kaleg. Artista e insegnate di arte visiva è un'insegnate artista che, oltre ad esprimere la sua arte con una suggestiva produzione di acquarelli, si dedica quotidianamente di allievi di ogni età. Il suo percorso artistico inizia negli anni dell'adolescenza in seno alla famiglia, dove tutti, a cominciare dal padre, coltivano l'hobby della pittura. Intraprende studi accademici di arte e comincia a dedicarsi alla pittura che non ha mai abbandonato, fino ad oggi. Collabora con il Comune di Padova e tiene corsi privati.
 
 
2 - 14 maggio
ARTEGRAFANDO. Libere espressioni artistiche
TINO BRUGNOTTO - LUCA PEGORARO - ALBERTO ZAMPIERI
Inaugurazione: sabato 2 maggio, ore 18:30
In esposizione libere espressioni artistiche diverse tra loro, ma unite da un unico filo conduttore che è l’arte!
Luca Pegoraro: astratto, materico, minimale in una ricerca continua. Tino Brugnotto: colori e cromatismi fantasiosi abbinati a soggetti e luoghi reali. Alberto Zampieri: ritratti, attimi e particolari della vita di tutti i giorni.
Informazioni: orario 16 - 20
 
 
16 - 27 maggio
ANDREAS KRAMER presenta la
COLLETTIVA DI PITTURA "METAMORFOSI"
Inaugurazione: sabato 16 maggio ore 18:30
Il maestro Andreas Kramer presenta alcuni artisti dell’Associazione Xearte sul tema Metamorfosi. Al centro del workshop fatto appositamente a febbraio presso la sede Xearte sta la pittura astratta e la trasformazione dal figurativo al astratto. L'ispirazione viene non solo dalla propria fantasia ed intuizione ma anche da altre opere pittoriche come per esempio dagli affreschi del ‘300 che si trovano in città. Padova é ricca di esempi di affreschi particolarmente interessanti. Non solo Giotto! Cerchiamo di portare queste ispirazioni tramite una serie di metamorfosi al presente e trasformare idee che vengono dal passato in opere dell`Arte Contemporanea. Il workshop fa parte di una serie di iniziative, di cui anche varie mostre, che cercano di rivalutare la testimonianza degli affreschi di Padova. Come si può reinterpretare un quadro di un pittore d’altri tempi? Cosa ci può dire? Quale creatività può sviluppare in un linguaggio attuale? Gli artisti hanno scelto individualmente di lavorare con materiali e tecniche le più varie mettendo sulle loro opere quanto elaborato dal linguaggio artistico che, attraverso i secoli, è pervenuto a noi attraverso mille e una metamorfosi.
 
 
29 maggio - 11 giugno
COLLETTIVA DI PITTURA "TRANSIZIONE: VIAGGIO NELLA PITTURA ASTRATTA"
a cura di Nicoletta Furlan
Inaugurazione: venerdì 29 maggio, ore 18:30
La materia di cui sono fatti i pensieri è il seme dell’artista. Sogni che hanno origine dal pennello del pittore. E, poiché l’occhio è la sentinella del cervello, trasmetto le mie più intime percezioni tramite l’arte, la mia visione del mondo” (Arshile Gorky).
Esposizione di opere del percorso svoltosi da ottobre 2019 a maggio 2020 all’interno della pittura astratta. Spesso quando si parla di pittura astratta si pensa a macchie colorate disposte su tela completamente incomprensibili, che potrebbero benissimo essere il prodotto della mano inquieta di un bimbo di pochi anni. E’ giusto però tener presente che, contrariamente alle apparenze, anche l'arte astratta, non meno di quella figurativa, soggiace a regole e a principi compositivi ben precisi, pur rimanendo libera espressione dello stato d’animo e delle esperienze interiori dell’artista. Insieme abbiamo svolto un percorso, addentrandoci man mano sempre più in questo universo affascinante e colorato, attraverso il quale abbiamo affrontato la composizione, il ritmo, il colore, la luce, l’armonia, passando dall’astrattismo geometrico all’astrattismo lirico, dall’espressionismo astratto all’action painting, dal color field, all’informale materico.
Partecipanti: Teresa Bellini, Morena Brigato, Marilena Carosello, Carla Carraio, Lorenza Fiocchi, Maria Furlan, Giovanni Galiazzo, Chiara Grigoletto, Graziella Guariso, Paola Tardone, Antonella Ranieri, Paolo Schiavon, Ruggero Limonato, Linda Verani.
 
 
13 - 25 giugno
MOSTRA DI PITTURA E SCULTURA "INTENZIONI POETICHE"
LORIS NARDO E ROSARIA ROCO
Inaugurazione: sabato 13 luglio, ore 18:30
SACRI MOSTRI E VENERI ANATOMICHE. Sculture in legno, ceramica e residui assemblati.
Loris Nardo dice di sé: “Ho fatto molti mestieri ed ereditato svariati interessi. La scultura è uno di questi. Mi considero un dilettante, ma cerco di lavorare con l’impegno e l’ambizione estetica di un professionista (in passato ho costruito e esposto centinaia di burattini per mantenermi agli studi). Faccio cose moderne, cercando tuttavia di rimanere nel solco di una tradizione antica, che da Prassitele a Rodin mette la figura umana al centro dell’interesse artistico. Sono perlopiù busti maschili o femminili, con volti naturalistici e corpi immaginari. Possono essere ritratti trasfigurati, o figure allegoriche, oppure personaggi storici che mi hanno mandato un messaggiato dalla loro epoca.
INTENZIONI POETICHE
"Lacrime e perle... acqua gelata scorre adesso oltre lo sguardo altrove".
Altrove é dove ci porta il processo creativo di Rosaria Roco, un viaggio intimo e introspettivo che attraversa l'astrattismo emozionale in un continuo fluire quasi musicale, incontrando la figura umana ispiratrice e i suoi diversi stati d'animo. Nelle sue tele il colore ad olio, sempre forte e persuasivo, ci seduce e la magia della parola scritta ci conforta o inquieta.
 
 
27 giugno - 9 luglio
MOSTRA DI PITTURA "TRASFORMAZIONI"
BARBARA ROHR
Inaugurazione: sabato 27 giugno, ore 18:30
Il titolo della mostra racconta l'intenzione dell'artista di visualizzare le continue trasformazioni osservate nella natura, nel suo ambiente, nel tempo e nello spazio, così come nella sua stessa vita. Esprime le sue osservazioni e le sue esperienze nelle trasfigurazioni sia in forma figurativa che astratta, mettendo così in relazione la storia e le storie viste attraverso gli occhi della mente. L'uso di materiali riciclati, prevalentemente carta e cartone, e manipolando la loro struttura originale, fa parte di per sé dell'idea di trasformazione, dando nuova vita a ciò che è stato scartato.
Barbara Rohr di origine Svizzera, dal 2017 vive e lavora a Padova. Ha continuamente proseguito la sua educazione artistica frequentando corsi di disegno, grafica e pittura e nelle moltiplici tecniche. Appassionata sperimentatrice, porta avanti suoi temi attraverso una continua ricerca interiore e tecnica.

 

Informazioni generali sulla rassegna:
Aperto tutti i giorni dalle 16 alle 19, chiuso lunedì; ingresso libero.
Xearte Associazione di Promozione Sociale
cell. 348 3708079 - tel. 049 654263

Aggiungi un commento