La Biblioteca Civica

La Biblioteca Civica del Centro Culturale Altinate - San Gaetano
Biblioteca pubblica (secondo la definizione del Manifesto UNESCO sulla biblioteca pubblica) del Comune di Padova, centro di coordinamento del Sistema Bibliotecario Urbano.
Si pone come obiettivo primario il servizio informativo e culturale rivolto ad ampie fasce di utenti e al pubblico degli studiosi. In particolare:
- conoscenza, la valorizzazione delle raccolte storiche e l"arricchimento degli strumenti per la ricerca e lo studio con particolare attenzione per l"ambito locale
- favorisce l"accesso all'informazione, in particolare ai temi della cultura generale, dell'attualità , della vita civile, tramite acquisizione di materiale bibliografico e multimediale, l"accesso ad Internet e alle fonti remote di documentazione, il servizio di document delivery. Offre servizi dedicati agli utenti ipovedenti.

Libri (circa 500.000), ma non solo. Che cosa sia la Biblioteca Civica, non va letto solo attraverso i numeri, anche quando questi sono ragguardevoli. A Padova, da più di sette secoli (da quando, cioè, nacque la sua Università , che fu subito di respiro internazionale) la cultura è carattere identitario della città . Non può stupire, dunque, che vastità  e spessore dei saperi abbiano generato, nel tempo, densità  di offerta di strumenti per il sapere: soprattutto di parola scritta, il più tradizionale di tutti i media.

Tra le molte biblioteche che, riunite in un unico circuito operativo, compongono l"offerta cittadina, la Civica ha una personalità  specifica, uno specifico ruolo. Non è la più antica, non la più ricca, non la più frequentata. E", in compenso, l"unica "civica", cioè della città , per la città ; così fu pensata dai suoi fondatori, a metà  dell'Ottocento, e per questo si è sviluppata a partire da raccolte di privati cittadini. La Raccolta Iconografica (oltre 12.000 tra foto, disegni, stampe, disponibili in formato digitale, tra poco anche sul web), la Padovana (tutto sulla città : storia, arte, cultura, documentazione), la Petrarchesca (con la quale Padova si collega alla vicina ArquÍ  sotto il segno della poesia), la Femminile (di scrittrici e letteratura di genere) sono alcune tra le collezioni storiche oggi ricomposte, nella nuova sede, all'interno di uno specifico percorso, la Sezione Storica. Vestigia, certo, non però esclusività  del mondo accademico: oltre agli studiosi, italiani e stranieri, e ai molti studenti (non solo delle facoltà  umanistiche, non solo delle Università  trivenete), le frequentano cittadini di tutte le età , curiosi di riscoprire luoghi, avvenimenti della loro città , di ritrovare nei quotidiani d"epoca l"eco di fatti che toccarono le loro famiglie, le loro stesse esistenze; che spiegano l"aspetto odierno di Padova.

Col suo patrimonio di memorie e di immagini, la Civica era ubicata in via Orto Botanico, a fianco della basilica del Santo: una sede originariamente prestigiosa, "simbolica", ma divenuta presto contenitore inadeguato per un"entità  che, proprio per continuare a rispecchiare la realtà  viva, esigeva di crescere: non solo quantitativamente, non solo per "stratificazioni", ma dirigendosi con decisione verso il futuro. La necessità  di comunicare, l"urgenza di recuperare l"informazione, di qualunque fonte ed espressione, il diritto di accedere al sapere, di acquisire strumenti orientativi nella vita privata e civile, di tutelarsi contro preclusioni o discriminazioni, compresa quella basata sulla capacità  di usare nuove tecnologie e nuovi linguaggi, hanno ispirato il restyling.

Il percorso Scaffale Aperto, tutto con data di stampa entro l"ultimo quinquennio, offre novità  editoriali in tempo reale; suggerisce un modo nuovo di "leggere" ed informarsi: via internet, multimediale, partecipato (c"è anche il bookcrossing!). Offre i servizi di consultazione, prestito (dei libri della Civica e delle Biblioteche di quartiere, con richiesta a distanza da altre biblioteche e città , in Italia e all'estero), informazioni. C"è anche il servizio per ipovedenti. Perché la Civica è del cittadino, di tutti i cittadini di Padova.

Sistema Bibliotecario urbano.

 

Info
Biblioteca Civica, via Altinate 71
Tel. +39 049 8204811
e-mail: biblioteca.civica@comune.padova.it

Orario: da lunedì a giovedì 08:30-17:30; venerdì, sabato 08:30-13:30.

Accesso:
L"accesso ai servizi è libero e gratuito; sono ammessi gli utenti a partire dai sedici anni di età . Ogni utente viene fornito di tessera individuale, che ne consente l"identificazione e abilita alla fruizione dei servizi. Per ottenere la tessera, l"utente deve presentare valido documento d"identità .

Prestito:
Sono ammessi al prestito (interno e interbibliotecario) i cittadini dell'Unione Europea e i cittadini extracomunitari in possesso di valido documento di identificazione residenti, domiciliati o che svolgono attività  lavorativa o di studio nell'ambito della Regione Veneto. Come avviene per ogni biblioteca, alcune classi di materiali non sono soggette a prestito.

Importanti fondi librari

Tesori della Biblioteca

La Biblioteca Brunetta

Leggere in grande

Catalogo on line